ACCEDI CERCA
ITALIANOENGLISH
ITEN

La Grande Corsa del Té del 1866 (i Clippers)

Ringraziamo Carlo Gatti, Presidente Mare Nostrum Rapallo per questo splendido articolo (26.05.11) che vi suggeriamo di approfondire tramite il link riportato.

(..) Nella 'LONDRA VITTORIANA', con il consumo del tè, ci fu un vero cambiamento di costume nazionale, in pratica s’instaurò una moda che ebbe molte ripercussioni persino nei trasporti marittimi. L’annuale arrivo del PRIMO CARICO DI TE' PRIMAVERILE CINESE, considerato il migliore (una pianta dava tre raccolti), veniva pagato 10 scellini ogni 50 piedi cubici, e 100 sterline di premio erano destinate al Capitano del clipper che arrivava per primo sui mercati. Questo tangibile riconoscimento diede il via ad una vera e propria 'CORSA AL TE' che coinvolse navi e capitani famosi, in primo luogo il 'CUTTY SARK' che, ironia della sorte, non riusciva ad imporsi sul diretto concorrente 'THERMOPYLAE', malgrado la sua meritatissima fama. Molte furono le coppie rivali di clippers che divisero l’opinione pubblica mondiale in vere e proprie tifoserie di scommettitori e appassionati che investivano somme ingenti sulle vittorie di questi 'LEVRIERI D'ALTURA'. Qui si aprirebbe un capitolo lunghissimo e affascinante, purtroppo, per ragioni di spazio, non possiamo che fare riferimento soltanto a quella che fu la gara più spettacolare che sublimò le grandi corse dei clippers.

Fu sicuramente per ragioni di mercato che, alla fonda nella rada della Pagoda a Foochow-Cina, si trovassero quell’anno ben 16 Tea-Clippers in attesa di caricare i nuovi raccolti: l’ADA, l’ARIEL, il BELTED WILL , il BLACK PRINCE, il CHINAMAN, il COULNAKYLE il FALCON, il FLUING SPUR, il FIERY-CROSS, il GOLDEN SPUR, il PAKWAN, il SERICA, il TAITSING, il TEAPING, il WHITE ADDER, lo YAHGTZE. Fra i protagonisti più attesi c’erano: il Serica di 708 T. varato nel 1863 e comandato dal Capitano Gorge Innes; il Fiery-Cross da 888 T. comandato del Capitano Richard Robinson, già vincitore di regate precedenti; il Taitsing da 815 T. al suo esordio col Capitano Daniel Nutsford; il Teaping 767 T. comandato del Capitano Donald Mckinnon ed in fine l’Ariel da 853 T. al comando del suo famoso Capitano John Keay, il quale, riferendosi al suo clipper diceva: “Posso contare su di lui come su un essere vivente”.

L’ARIEL fu il primo a chiudere i boccaporti delle stive, a chiamare il pilota e a discendere il fiume Min al traino di un rimorchiatore. Ma la sua rapida partenza fu rallentata dalle manovre sbagliate del comandante del rimorchiatore. Purtroppo in mare gli errori si pagano subito e il Fiery-Cross n’approfittò per attuare un clamoroso sorpasso che gli diede un notevole vantaggio in mare aperto. Di quella rallentata partenza se n’avvantaggiarono anche il rivale Teaping, il velocissimo Serica ed il Taitsing che ormai lo tallonavano a qualche centinaio di metri. I clippers erano velieri molto sensibili all’assetto del carico e cap. Keay ben presto s’accorse che la sua nave era troppo appruata e perdeva velocità. Fece spostare pani di ghisa di zavorra, ancore, catene e persino delle casse dentro la sua cabina. Finalmente il primo di Giugno, Keay spiegò al vento tutte le vele del clipper e, lasciato lo stretto di Formosa, mise la prua verso il Mar della Cina meridionale, costeggiò la Malesia, Sumatra e infilandosi nello stretto della Sonda entrò nell’oceano Indiano. Erano trascorsi 21 giorni dalla partenza e in quel momento Keay non sapeva che il Fiery-Cross lo precedeva di un giorno. Spinti dagli Alisei di Sud-Est entrambi volarono verso le Isole Mauritius. Pochi giorni dopo anche il Teaping, il Serica e il Taitsing attraversarono lo stretto lanciandosi al loro inseguimento sull’oceano indiano. Qualcuno da terra li vide e la notizia del loro passaggio rimbalzò a Londra suscitando l’entusiasmo di migliaia di scommettitori Inglesi. Il 25 Giugno Capitan Keay annota sul giornale di bordo che l’Ariel deve rallentare per imbarco d’acqua nello scafo e per la rottura di alcuni alberetti a causa dell’eccessivo sforzo. La sua ansia aumentava non avendo la minima idea di chi fosse in testa alla gara. Doppiato il Capo di Buona Speranza, l’Ariel mise la prua a Nord-Ovest con gli Alisei in poppa, lasciò l’Isola di S.Elena sulla sinistra e si trovò il 4 di Agosto nelle calme equatoriali in compagnia del Fiery-Cross e del Teaping.

Lasciato di poppa lo “scoglio delle bonacce”, i Clippers navigarono verso Nord lasciandosi Capo Verde sulla dritta e puntarono sulle Azzorre alla ricerca di vento gagliardo da ponente. Il Golfo di Guascogna fu clemente e l’approaching alla Manica avvenne intorno ai primi di settembre. Quando cap. Keay giunse il giorno 5 in vista della costa meridionale dell’Inghilterra, credette d’aver vinto il race fino a quando, all’improvviso, intravide sottovento la sagoma inconfondibile del Taeping che avanzava sospinto da forti colpi di vento.

La suspence giunse al massimo stadio quando i due Clippers, attraversato lo stretto di Dover, si presentarono appaiati alla foce del Tamigi, agganciarono contemporaneamente il rimorchiatore portuale per risalire il fiume e si diressero verso i rispettivi Docks d’attracco. Ma nel finale di questa “nevrotica quanto appassionante” traversata accade ancora qualcosa d’imprevisto. Il capitano Keay dell’Ariel decise di rallentare il suo clipper per evitare d’incagliarsi durante il riflusso della bassa marea. Il Taeping aveva un pescaggio inferiore ed il suo capitano McKinnon non solo sorpassò il rivale ma lo precedette di circa un’ora, ma fu costretto a dare fondo l’ancora a causa della bassa marea. A questo punto l’Ariel, convinto per l’ennesima volta d’aver vinto, anche perché la sua banchina era più vicina di quella del rivale, sopraggiunse sorpassando l’avversario che stava salpando l’ancora. Purtroppo il calcolo dell’ora di marea fu impreciso: il momento dell’inversione della marea, e quindi l’altezza dell’acqua non era ancora sufficiente per consentirgli l’attracco. L’attesa delle giuste condizioni durò ancora un’ora, giusto il tempo di permettere al Taeping di ormeggiare per primo.

Il TEAPING aveva vinto per soli 23 minuti. Ma ciò che rese “storico” quel viaggio fu la coincidenza che vide tre clippers, partiti insieme dalla Cina, entrare quel giorno nel porto di Londra con la stessa marea. Il Serica attraccò un’ora dopo.L’apertura del Canale di Suez (1869) e quello di Panama (1914) ridussero di mesi i percorsi marittimi e segnarono, insieme al progressivo perfezionamento dei motori marini, la fine di una grande epopea velica.

COSA SONO I CLIPPER?
I Clippers, le “FERRARI dei mari” dell’800.
Clipper, (dall’inglese to clip=tagliare, il vento, le onde, i primati ecc...) fu il nome attribuito all’ultimo esemplare, il più perfezionato dell’evoluzione della nave a vela. Nacque in America nel 1820 sull’onda di una profetica intuizione mercantile: “il commercio prenderà le vie del mare”. Ma i Cantieri americani ebbero un’altra intuizione, questa volta d’ingegneria navale: “lo spostamento della sezione maestra dello scafo verso prua conferirà al veliero una maggiore stabilità in navigazione”. Tuttavia, la caratteristica principale del clipper doveva essere la velocità derivante dalle più affinate linee d’acqua dello scafo e dalla maestosa superficie velica ben superiore alle unità equivalenti dell’epoca. Il clipper fu quindi progettato per essere un autentico LEVRIERO DEGLI OCEANI, e per raggiungere tale obiettivo fu persino diminuita la capacità di trasporto del carico. I risultati raggiunti ripagarono questo sacrificio. Il clipper raggiungeva, infatti, una velocità di 15 nodi con punte di 20 nodi quando la velocità massima degli altri velieri e delle stesse navi a vapore era di 5-7 nodi in condizioni ottimali. I clippers furono costruiti da cantieri inglesi, olandesi, francesi e americani, ma I PRIMI a scendere in mare furono I PICCOLI CLIPPER DI BALTIMORA (USA) che entrarono in scena durante la guerra (USA-UK) del 1812, proprio per le tensioni commerciali.

N.B. La cartina mostra la rotta principale dei Tea-Clippers da Foochow (Cina) a Londra che fu teatro di epiche regate commerciali. Le frecce nere indicano i venti predominanti nel periodo compreso tra maggio e settembre. In condizioni favorevoli i CLIPPERSraggiungevano 20 NODI DI VELOCITA', COME UN TRAGHETTO DI OGGI, ma erano spinti dal vento e manovrati da superbi marinai.

vai al link

Un Mondo di Tè

: Honeybush: cos’è e quali proprietà possiede? [2018-01-29], La Grande Corsa del Té del 1866 (i Clippers) [2018-01-19], Tè: proprietà organolettiche [2017-12-04], . Benifuuki Bio Té in polvere [2017-12-01], Gaiwan e/o teiera Yixing ? [2017-11-12], Il tè contiene Vitamina C?? [2017-11-06], Il té nero fa bene al cuore; le Proprietà Terapeutiche del Tè Nero [2017-10-20], I Bambini e le donne in Gravidanza possono bere il Tè? [2017-10-17], Fiori di Tè, Bloomings Tea [2017-10-10], L'ossidazione del Tè [2017-09-17], I tè giapponesi quanti sono? [2017-09-15], Classificazione Internazionale del TE' in India [2017-09-05], Rooibos, Tea of long Life [2017-07-29], Tè Matcha [2017-07-28], Come preparare il Matcha freddo [2017-07-27], Oolong/Wulong i Tè Blu o 'Tè Qing' [2017-07-21], Tai Ping Hou Kui [2017-05-22], Il Darjeeling: 'terra dei fulmini'. [2017-04-22], Cosa sono i té affumicati? [2017-02-07], Il segreto per preparare una buona tazza di tè? [2017-01-22], PU ERH o Tè Rosso dallo Yunnan [2016-12-17], A proposito di Te' Bianco... [2015-10-08], La temperatura dell'Acqua [2015-07-31], Degustazione del tè, percezione e descrizione [2015-07-30], MATE' o Yerba Mate [2015-07-15], La cultura e la cerimonia del tè in Corea [2015-07-08], Earl Grey e i Tè Aromatizzati [2015-06-30], Il TE’ nella tradizione Giapponese [2015-06-18], 5 Regole fondamentali per fare un buon tè [2015-04-23], Arte del Tè in Cina [2015-02-22], CERIMONIE del TE' nel Mondo [2014-10-19], Il tè e l'obesità [2014-07-29], La scelta del tè e la sua conservazione [2013-10-22], 3 Tazze di tè VERDE al giorno... [2013-07-20], Tè Profumati, Scented Teas [2013-05-18], Lapacho [2013-02-18], UMAMI [2013-01-28], Il Benessere nel Tè [2012-10-18], No al latte nel tè [2012-08-22], I benefici del tè verde per i cani [2012-06-07], La teiera di Hans Christian Andersen [2012-03-09], Zucchero Bianco o di Canna? [2012-03-08], Il Karkadè (Ibisco) [2011-11-07], Cosa differenzia i tè? [2011-04-10], Cos'è il TEA TIME? [2011-03-03], L'acqua per un buon tè [2010-07-02], Il limone e il tè [2010-06-29], Lo zucchero e gli inglesi.. [2010-06-26], Perché si forma la patina sui tè.. [2010-06-22]

Newsletter

ISCRIVITI
Informativa sulla privacy

L'Essenza del The, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.