ACCEDI CERCA
ITALIANOENGLISH
ITEN

Tè: proprietà organolettiche

ll tè contiene, oltre alla caffeina (non chiamiamola teina….) anche teobromina, l’alcaloide tipico del cacao, e la teofillina. Sono tre alcaloidi molto simili e il processo, anzi i vari tipi di processi, di decaffeinizzazione li elimina tutti e tre. Quindi un tè senza caffeina non contiene neanche teobromina e teofillina.
La teobromina è l'alcaloide tipico del cacao. Si tratta quindi di una sostanza naturale, dotata di una blanda azione diuretica, cardiotonica e vasodilatatoria, soprattutto a livello coronarico; non a caso, dunque, veniva utilizzata come farmaco utile per combattere l'angina. I ben noti effetti stimolanti del cacao sono legati proprio alla presenza di teobromina (contenuta in misura del 2% circa), congiuntamente alla caffeina (0,6-0,8%). Di conseguenza, in una barretta al cioccolato fondente da 100 grammi, ritroviamo 600-1800 mg di teobromina e 20-60 mg di caffeina. Si tratta comunque di valori generali, che possono variare - anche considerevolmente - in relazione al tipo di semi, alle tecniche colturali e al processo di fermentazione a cui vengono sottoposti prima di essere torrefatti. Nel cioccolato al latte il contenuto in teobromina è ridotto (perché minore è la percentuale di cacao), mentre è praticamente nullo in quello bianco.
Piccole quantità di teobromina sono presenti anche nel the (nelle cui foglie essiccate è presente in percentuale pari allo 0,2%), nel guaranà, nella cola e nel mate. La teobromina è altresì ingrediente comune di alcuni integratori energetici e di certe creme per il trattamento della cellulite.
L'effetto stimolante sul sistema nervoso centrale è circa 10 volte inferiore rispetto a quello della caffeina; a dosi elevate, comunque, la teobromina può causare irrequietezza, tremori, ansietà, sudori, aritmie, perdita di appetito, nausea e vomito.
La teobromina, quando viene consumata in grandi quantità, è particolarmente tossica per i cani. In un esemplare da 10 kg, 200 grammi di cioccolato sono sufficienti per provocare vomito, diarrea, irrequietezza, tremori muscolari, respirazione affannosa e convulsioni, fino alla morte nei casi più gravi; in particolare, la dose letale è di 330 mg di teobromina per kg di peso.

La teofillina è un alcaloide presente nelle foglie di the (Camellia sinensis), ma anche nei semi di caffè e guaranà. La sua concentrazione è molto variabile in relazione al tipo di the, alla varietà ed alla durata dell'infuso. In media, il tè nero contiene prevalentemente caffeina, erroneamente detta anche teina (2,5-5,5% sul peso secco), mentre la teofillina è presente in concentrazioni limitate (0,002-0,013%). Pertanto, a differenza di quanto si crede, il tè apporta buone dosi di caffeina (circa 20 mg per 100 ml), ma il suo contenuto in teofillina è alquanto ridotto (circa 1 mg in una tazza da 150 ml di tè nero molto forte, fino a meno di 1 mg/L nelle varietà più delicate). Indipendentemente dalla fonte, le concentrazioni di questi due alcaloidi nella bevanda sono tanto maggiori quanto più le foglie vengono mantenute nell'infuso.
La teofillina ha azione diuretica e rilassante sulla muscolatura liscia, in particolare su quella dei bronchi; ne consegue un'attività positiva su problemi respiratori di varia natura, come asma e bronchite. Quest'attività terapeutica si esplica a diversi livelli e porta, tra l'altro, ad un'aumentata contrattilità del diaframma e degli altri muscoli respiratori. Anche per questo, prima ed al termine delle classiche corse podistiche o ciclistiche, viene offerta una bella tazza di the caldo, in cui la concentrazione di teofillina è comunque del tutto insufficiente per avere valenza terapeutica (circa 100-1000 volte più bassa rispetto ai 120-240 mg, per 3-4 volte al giorno, utilizzati nella terapia antiasmatica dell'adulto).

L'azione diuretica della teofillina viene sfruttata nelle tisane e nei prodotti dietetici drenanti. Quella broncodilatatrice trova invece spazio in ambito farmaceutico, dove i derivati della teofillina sono utilizzati eminentemente nella cura dell'asma bronchiale. Il più noto ed utilizzato è l'Aminofillina (risultante dalla combinazione della teofillina con l'etilendiammina), la cui azione antiasmatica deriva dal blocco delle fosfodiesterasi (con conseguente aumento delle concentrazioni intracellulari di AMP-ciclico), dall'aumentato rilascio di catecolamine, dall'inibizione dei recettori adenosinici e dalla regolazione delle cellule ad attività pro-infiammatoria. Un'altra particolare indicazione terapeutica della teofillina è rappresentata dalle apnee neonatali.
La aminofillina è un antiasmatico di seconda o terza scelta, a cui si ricorre solamente quando gli altri farmaci non sono efficaci. A dosi elevate può infatti indurre nausea, vomito, agitazione, tachicardia, dolore addominale, cefalgia, tremori muscolari ed aritmia.
Dal punto di vista chimico, la Teofillina è una metilxantina, molto simile alla caffeina; somministrata per os viene assorbita rapidamente ed il picco plasmatico si osserva entro una o due ore (anche se esistono apposite formulazioni a lento rilascio). Il catabolismo avviene a livello epatico, con produzione di derivati più o meno attivi, che sono poi eliminati dal rene.

liftingteverde168.pdf

Un Mondo di Tè

: La cultura e la cerimonia del tè in Corea [2018-09-24], . La Prefettura di Uji, Tè Giappone [2018-09-10], . I tè dello Yunnan [2018-08-02], Oolong/Wulong i Tè Blu o 'Tè Qing' [2018-07-27], Come preparare il Matcha freddo [2018-07-25], Impacchi ghiacciati di tè! [2018-06-20], La cerimonia del Tè in Russia [2018-06-14], Tai Ping Hou Kui [2018-05-16], A proposito di Te' Bianco... [2018-05-07], Ginseng, elisir di Giovinezza! [2018-05-03], Il té nero fa bene al cuore; le Proprietà Terapeutiche del Tè Nero [2018-04-27], Classificazione Internazionale del TE' in India [2018-04-26], Piramidi e Bustine di tè [2018-04-25], Honeybush: cos’è e quali proprietà possiede? [2018-01-29], La Grande Corsa del Té del 1866 (i Clippers) [2018-01-19], Tè: proprietà organolettiche [2017-12-04], Gaiwan e/o teiera Yixing ? [2017-11-12], Il tè contiene Vitamina C?? [2017-11-06], I Bambini e le donne in Gravidanza possono bere il Tè? [2017-10-17], L'ossidazione del Tè [2017-09-17], I tè giapponesi quanti sono? [2017-09-15], Rooibos, Tea of long Life [2017-07-29], Tè Matcha [2017-07-28], Il Darjeeling: 'terra dei fulmini'. [2017-04-22], Cosa sono i té affumicati? [2017-02-07], Il segreto per preparare una buona tazza di tè? [2017-01-22], PU ERH o Tè Rosso dallo Yunnan [2016-12-17], La temperatura dell'Acqua [2015-07-31], Degustazione del tè, percezione e descrizione [2015-07-30], MATE' o Yerba Mate [2015-07-15], Earl Grey e i Tè Aromatizzati [2015-06-30], Il TE’ nella tradizione Giapponese [2015-06-18], 5 Regole fondamentali per fare un buon tè [2015-04-23], Arte del Tè in Cina [2015-02-22], CERIMONIE del TE' nel Mondo [2014-10-19], Il tè e l'obesità [2014-07-29], La scelta del tè e la sua conservazione [2013-10-22], 3 Tazze di tè VERDE al giorno... [2013-07-20], Tè Profumati, Scented Teas [2013-05-18], Lapacho [2013-02-18], UMAMI [2013-01-28], Il Benessere nel Tè [2012-10-18], No al latte nel tè [2012-08-22], I benefici del tè verde per i cani [2012-06-07], La teiera di Hans Christian Andersen [2012-03-09], Zucchero Bianco o di Canna? [2012-03-08], Il Karkadè (Ibisco) [2011-11-07], Cosa differenzia i tè? [2011-04-10], Cos'è il TEA TIME? [2011-03-03], L'acqua per un buon tè [2010-07-02], Il limone e il tè [2010-06-29], Lo zucchero e gli inglesi.. [2010-06-26], Perché si forma la patina sui tè? [2010-06-22]

Newsletter

ISCRIVITI
Informativa sulla privacy

L'Essenza del The, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.